Visiti Praga e non vuoi andar più via.

Visiti Praga e non vuoi andar più via.

Praga è un incantesimo, una città magica. Una delle città più belle d’Euopa, che non si può fare a meno di visitare.

Sono stata a Praga un weekend di luglio e ho passato giorni bellissimi.

Se state programmando un viaggio a Praga e non sapete cosa visitare, ecco alcune mete per il vostro weekend.

La Casa danzante, uno straordinario edifico dedicato alla grande coppia del ballo formata da Ginger Rogers e Fred Astaire.

Progettata e realizzata dall’architetto F.O. Gerhy (lo stesso del Museo Guggenheim di Bilbao),

è formata da due palazzi che sembrano una coppia di danzatori.

Uno dei palazzi si protende versol’altro, che immobile ne attende l’abbraccio.

All’ultimo piano c’è un ristorante francese da cui si gode una splendida vista sulla Moldava.

Il Ponte Carlo è il ponte più famoso di Praga. Attraversa la Moldava collegando la Città

Vecchia al quartiere di Mala Strana. La sua costruzione ebbe inizio nel 1357 e fino al 1841 fu l’unico punto di attraversamento del fiume.

Protetto da tre torri, due dalla parte di Mala Strana e una dalla parte della Città Vecchia,

è decorato da trenta statue, per la maggior parte in stile barocco, originarie del 1700.

Lungo il  Ponte Carlo, è luogo piacevolissimo per fare una passeggiata, si esibiscono quotidianamente artisti di strada,

ma vi si trovano anche bancarelle che vendono piccoli souvenir o pittori.

L’orologio astronomico della torre del Municipio di Praga si trova nella piazza della Città Vecchia ed è una

delle attrazioni più apprezzate dai turisti in visita.

Risalente al XIV secolo, oltre a essere molto pregevole dal punto di vista estetico, si anima allo scoccare di ogni ora.

A fianco dell’orologio ci sono quattro statue: uno scheletro, un turco, un uomo con lo specchio e un viandante,

che rappresentano i vizi capitali, e che prendono vita a tutte le ore.

A nord della città antica si trova anche Josefov, il tradizionale quartiere ebreo.

Il suo nome deriva dall’imperatore Josef II, che nel 1781 istituì una politica di tolleranza nei confronti degli ebrei.

Interessante è il cimitero ebraico, che è uno dei più antichi d’Europa.

Lo Josefov ospita ben sei sinagoghe, tutte degne di almeno una breve visita.

Tra di esse, la colorata Sinagoga di Gerusalemme, la Sinagoga Spagnola, dallo stile arabo e la Sinagoga Pinkas,

divenuta dopo la guerra un memoriale per ricordare le vittime dell’Olocausto.

Subito dopo il ponte ci si trova nel quartiere Malá Strana, che significa “quartiere piccolo”.

La zona è tra le più vecchie di tutta Praga e si sviluppa alle pendici della collina che ospita il castello della città.

Malá Strana è un quartiere delizioso, dominato dall’architettura barocca, costellato di stradine e scorci tranquilli e romantici.

Da visitare assolutamente la Chiesa di San Nicola, costruita nel XVII secolo, fantastico esempio di architettura barocca boema.

L’ingresso è a pagamento ma vale la pena di vedere gli interni dell’edificio.

Proseguendo si giunge alla Nerudova, sicuramente una delle vie più affascinanti della città.

Alcune antiche insegne, che servivano un tempo per riconoscere i palazzi, sono davvero incantevoli:

una delle più conosciute è quella dei Tre Piccoli Violini, che contrassegnava proprio la casa in cui abitava una famiglia di liutai.

Una leggenda dice che da un palazzo verde situato in quella strada, il fantasma di un cavaliere senza

testa attraversi ogni venerdì l’edificio, nella speranza che qualcuno lo aiuti a trovare pace.

Il Castello di Praga è composto da numerosi palazzi ed edifici, circondati da caratteristiche stradine.

Nel 1918,divenne la residenza del Presidente della Repubblica Ceca e, da allora, il capo dello stato ha lì la sua sede.

Il castello presenta numerosi edifici con un’importante valore storico e artistico; tra i più importanti:

Cattedrale di San Vito: con un’importante storia e un grande valore artistico,

la Cattedrale di San Vito è il simbolo di Praga e di tutta la Repubblica Ceca.

Il Vicolo d’Oro: uno degli angoli più affascinanti, si trova all’interno del recinto del castello.

Con case colorate, in passato occupate da orefici, attualmente accoglie numerosi negozi d’artigianato.

Antico Palazzo Reale: costruito in legno nel IX secolo, l’antico palazzo soffrì, nel corso dei secoli,

vari cambiamenti, fino a trasformarsi nell’impressionante edificio che oggi si può vedere.

La Basilica e il Convento di San Giorgio: fondata nel 920 d.C., l’antica basilica fu ampliata nel 973 con la costruzione del convento,

che attualmente accoglie la collezione d’arte boema del XIX secolo della Galleria Nazionale di Praga.

Torre Daliborka: famosa prigione della città, che in origine accoglieva i membri della nobiltà,

poi trasformata in una prigione per qualsiasi classe sociale.

Torre Negra: così chiamata per un incendio che annerì la costruzione, questa torre funzionava come carcere per i debitori,

ovvero per quei prigionieri che potevano usufruire di numerosi privilegi.

Torre Bianca: in passato era utilizzata come prigione per i nobili.

Torre delle Polveri: costruita nel XV secolo, come parte della fortificazione del castello,

questa torre divenne il laboratorio degli alchimisti del monarca Rodolfo II.

 

Food

Da provare la carne di maiale (veprove) servita arrosto e accompagnata da gnocchi di pasta lievitata (knedliky), patate o crauti.

In vendita aogni angolo troverete il trdelnik, un tipico dolce a forma di cannolo da mangiare vuoto o con tanti ripieni diversi:

marmellata, cioccolato o gelato – da provare assolutamente!

E per finire in bellezza un bicchierino di slivovice (liquore alle prugne) o di Becherovka, un

amaro d’erbe.

Durante il mio weekend ho provato due posticini davvero deliziosi:

– Indian by nature, un ristorante indiano che ripropone le tipiche ricette indiane.

Al menu si aggiunge una location davvero carina curata nei minimi particolari e l’alta qualità degli ingredienti.

Il fiore all’occhiello di questo ristorante sono specialità come il Paneer shaslik, Tandoori Prawns, Butter Chicken e Lamb Roganjosh.

L’atmosfera è deliziosa e i piatti sono di altissima qualità.

Per info

Benvenuti nel sito del ristorante Indian by Nature

– The bistrot, un angolo delizioso a dieci minuti dal centro di Praga.

Un locale carino con luci soffuse e sottofondo musicale delicato, dotato di un giardino interno all’aperto con tavoli.

La cucina offre una vasta scelta di tapas oltre a insalate e qualche main dishes.

Le materie prime sono ottime, ricche, prodotti freschissimi e locali sapientemente lavorati e valorizzati.

Dalle prime portate fino al dolce, è stata una meravigliosa esperienza culinaria, come essere a casa.

Per info:

Home

 

Per l’alloggio io ho scelto un appartamento di Wimdu, a cui mi affido spesso per i miei viaggi.

Come sempre non ha deluso le mie aspettative.

Ecco il link wimdu su cui poter scegliere il proprio appartamento.

 

Condividi

Lascia un commento