La merenda toscana da Ciaccia coi Ciccoli

Alle spalle delle colonne di San Lorenzo sorge una piccola viuzza, Via Gian Giacomo Mora.

Anche se piccola,  questa strada è ricca di storia e tradizioni. Le sue memorie risalgono all’età manzoniana (il barbiere omonimo fu ingiustamente accusato nel 1630 di essere uno degli untori del contagio di peste che afflisse i milanesi, e per questo fu torturato e infine ucciso. Manzoni rievoca la vicenda nei Promessi Sposi).

Al numero cinque di questa via sorge una piccola bottega in cui poter gustare le specialità della cucina toscana: Ciaccia coi Ciccioli.

Qui si possono trovare il ragù di cinghiale e il Sangiovese o pietanze poco conosciute come la ciaccia e il Terratico di Bibbona.

Il fiore all’occhiello è la ciaccia coi ciccioli: la focaccia con il grasso di maiale rosolato, servita nell’antichità al rientro da una faticosa giornata nei campi, e ora al rientro dall’ufficio, per l’aperitivo o per la cena.

 

Ma è per la merenda, rigorosamente toscana, che Ciaccia coi Ciccioli diventa il luogo ideale per condividere il tempo in compagnia di amici gustando i suoi piatti tipici.

Qui si possono gustare dei taglieri di salumi, taglieri di formaggi accompagnati da marmellate e miele, barchetta di sott’oli Sant’anna, fettunta di pane toscano, bruschette al pate’ di lardo, bruschette di pate’  vari di verdure, panini farciti con mortadella, salami, porchetta, sopressata e delle prelibatezze come la ribollita, la tartara di chianina, la torta salata vegeteriana.

Il mio pranzo toscano inizia con un bel cestino di pane accompagnato dall’olio – rigorosamente di quelle terre – a cui ho aggiunto affettati e formaggi, coppa e salsiccia per finire con due fette di torta salata alle verdure e una selezione di formaggi in tre varianti: pistacchio, zafferano e tartufo.

Ciò che mi ha colpito di questo locale è l’arredamento anni ’80 con i tavoli e le sedie che sembrano arrivare direttamente da una scuola elementare, oltre alla cortesia del personale, vivace e preparato senza essere invadente.

Condividi

Lascia un commento