La cellulite: causa e rimedi

La cellulite è il più comune inestetismo della pelle. Si manifesta quando la microcircolazione sanguigna viene compromessa e finisce con l’ingolfarsi e far soffrire il tessuto adiposo sottocutaneo.

Le cause più comuni della cellulite sono:

– Fattori genetici, dovuti alla tendenza più o meno marcata ad accumulare tessuto adiposo

– Alimentazione scorretta, che può condizionare il metabolismo futuro fin da bambini

– Fattori ormonali, dovuti a eccesso di estrogeni che facilitano la ritenzione idrica

– Assunzione di farmaci, come la pillola anticoncezionale

– Stress e nervosismo

– Sedentarietà e scarsa attività fisica

– Problemi di microcircolazione

Diversi sono i tipi di cellulite: molle, compatta, edematosa. La cellulite molle conferisce alla pelle l’un aspetto ondulato e soffice al tatto. Tende ad aumentare con l’età e l’incremento di peso. Presente nell’interno coscia e braccia, è spesso accompagnata da vene varicose. Il trattamento più idoneo è rappresentato da creme a effetto drenante contenenti betulla e ippocostano.

La cellulite compatta è il tipo più comune: la pelle è tesa e secca al tatto, spesso sono presenti smagliature. Le aree affette sono ginocchia, coscie e glutei. È E’ difficile da eliminare, ma ideali sono i prodotti che aiutano a sciogliere il grasso, come la caffeina o il ginko biloba e i fiori d’arancia che favorendo il drenaggio sono un ottimo aiuto.

La cellulite edematosa, provocata da problemi circolatori, interessa principalmente le gambe. La pelle è spugnosa e dolente al tatto. Ideali sono prodotti che rinforzano le pareti venose come il ginseng, o il tè verde.

Muoversi è il rimedio ideale per ridurre la cellulite. Con la ginnastica dolce o con passeggiate o pedalate, si allevieranno i disturbi agli arti inferiori e il corpo si libererà dalle tossine in eccesso. Al contrario gli sforzi esagerati e prolungati accentuano la cellulite, perché i muscoli subiscono un’iperstimolazione, la produzione di acido lattico aumenta e ciò incide negativamente sulla microcircolazione.

Durante l’esercizio fisico è indispensabile manenere la frequenza cardiaca bassa e fare esercizi mirati per contrastare l’inestetismo. L’attività fisica va svolta almeno  tre volte alla settimana per 30 o 40 minuti. Lo smaltimento dei grassi si attiva solo dopo la prima mezz’ora di moto.

Attività come nuoto e acquagym, che che prevedono l’attrito dell’acqua e fanno lavorare tutti i muscoli, sono indicatissime; non solo l’acqua riossigena i tessuti, ma il movimento in vasca o al mare raddoppia i tempi di resistenza.

eliminare-cellulite-rimedi

 

 

Condividi

Lascia un commento