Jeggins mania

Tutti lo vogliono, in prima linea le star: da Rihanna a Beyoncè, da Whitney Port a Kate Bosworth e poi Jessica Alba, Charlize Teron, Hilary Duff, Reese Witherspoon. Il jeggins è un ibrido tra i jeans e il leggins super-strecht, o brevettato dall’azienda turca Isko, leader mondiale, nella produzione di  denim che ha inventato un nuovo tipo di tessuto .

I primi fuseaux furono indossati da Audrey Hepburn in Sabrina e Cenerentola in Parigi: pantaloni affusolati con staffa sotto il piede chic e bon ton. Dopo un ventennio arrivano i leggins, una sorta di calza spessa senza piede in tessuto elastico, usati anche da Madonna nel film Cercasi Susan disperatamente. Il successo è esplosivo, ma dura poco.

Nel 2000 riappaiono i leggins in una nuova versione: neri opachi, colorati, sotto tuniche e miniabiti da indossare con le ballerine, ideali per chi ha una vita sottile, ma polpacci e caviglie affusolati. Cambiano i nomi, forma e tessuti  e lo scopo è quello di enfatizzare la gamba.

Dopo un decennio arriva il jeans skinny superaderente: stretto,  troppo stretto e dunque scomodo, per cui nasce il jeggins. Il denim diventa elastico, leggero, capace di seguire le forme del corpo allargandosi e ritraendosi senza fare una piega. Nasce un jeans superfit attaccato al corpo ma comodo, capace di rimodellare le forme, e assecondare le curve, persino di nascondere la cellulite ed esaltare il fondoschiena sollevando i glutei che appaiono più sodi e tonici. Il tessuto di alta qualità lo rende trasparente e resistente ai vari lavaggi.

 

calzedonia-denim-620x350

Condividi

Lascia un commento