C’ è una novità ghiotta in città :Fusho

Ciao ragazzi,

c’è una novità ghiotta in città.

Non posso non parlarne.

Curiosi di assaggiarlo?

Fusho, il sushi burrito che sorge all’interno di Via Paolo Sarpi, ricca di viuzze e di cose da

scoprire.

 

Oggi, direttamente da Los Angeles, ultima moda in tema di sushi è il sushi burrito: un burrito tex-mex in

sottile pasta di soia (invece che in farina di grano), riempito con ingredienti e salse che mixano abilmente la

cucina giapponese e quella latino-americana.

Il sushi burrito è un maxi roll avvolto, invece che nell’alga, in un sottilissimo foglio di pasta di soia colorata,

farcito con lo stesso riso del sushi e con ingredienti assortiti.

Tagliato in due si mangia facilmente con le mani: non c’è da stupirsi se presto diventerà il nuovo street-food

di tendenza!

Ad inventarlo è Peter Yen, che nel 2008 pensò di fondere sushi e burrito per rendere il primo più accessibile e facile da consumare in piedi.

Fare un sushi burrito è facile: basta stendere gli ingredienti sul foglio di soia (meglio se doppio) e poi

arrotolarlo come una sigaretta gigante. Il trucco per mangiarlo senza far fuoriuscire gli

ingredienti è stringerlo tra le mani verso il fondo quasi chiudendolo “a sacchetto”.

 

Fusho nasce dall’incontro di giovanissimi imprenditori cinesi – Jay Lin, Alex Pan, Sam Ye – con Davide

Croatto, venticinquenne milanese, già esperto di ristorazione, e amante della cucina asiatica.

 

I sushi burritos si possono mangiare al bancone, accompagnati da una zuppa di miso calda; oppure gustare

passeggiando, scartandoli come fossero coni gelato, o come take away nella pratica box.

Da Fusho si può scegliere tra salmone, pollo, tonno.

 

 

Condividi

Lascia un commento