ALTALUNE CONCEPT STORE: la nuova prospettiva dei materiali di Linda Fiumara

Questa estate ho proprio indossato il mare. Grazie a Claudia e ai gioielli della sua linea Altalune, realizzata con materiali innovativi e legati al mare stesso, ho potuto portare in giro con me una sua creazione e ricordarmi come del mare siamo e del mare rimaniamo.

Ho avuto poi il piacere di intervistarla e chiacchierare un po’ con lei di arte, creatività e amore.

Passate dal suo store. Io aspetto l’autunno e nuove creazioni. https://altalunehandmade.com/

1) Claudia quando è nata e come la tua passione per i gioielli ?

Sono sempre stata  creativa, fin da bambina, sicuramente grazie al fatto che tutta la famiglia lo è… Mamma ha sempre dipinto, mio zio è professore all’istituito d’arte e allo IED, pittore e designer è  nonna e la zia ha passato una vita tra gli abiti cuciti a macchina!

Ho iniziato a livello hobbistico ormai parecchi anni fa come moltissime crafters, ma in realtà “ufficialmente” per gli ultimi dieci anni mi sono occupata della gestione rapporti esteri per una multinazionale farmaceutica, pian piano realizzando che alla vita da ufficio mancava qualcosa…

Io e il mio fidanzato, quindi, desiderosi di una nuova vita, ci siamo trasferiti da Torino a Trieste con Giacomo, il nostro piccolo cane viaggiatore, e ho deciso che la creatività sarebbe stata il mio lavoro. Ed eccomi qua!

Da un’idea, Altalune è diventato un Concept Store a tema handmade ed alle linee di bijoux si sono “affiancati” alcuni capi di abbigliamento e accessori, rigorosamente “fai da me”…

Ovviamente in onore della nonna sarta!!!

2) Quali sono le tue fonti di ispirazione e i materiali che utilizzi ?

Curiosa per natura, diciamo che l’ispirazione la trovo in tutto ciò che mi circonda. In particolare mi piace l’idea di utilizzare materiali inusuali e appartenenti a “contesti” diversi”. Così le camere d’aria – gentilmente fornite dal moroso che restaura moto d’epoca  – la plastica riciclata, la pellicola cinematografica – sempre con lo zampino del moroso che ha acquistato un cine-proiettore degli anni ’50 da mettere in corridoio – il sughero, i vecchi bottoni, le pedine del Monopoli  si combinano con elementi più “usuali” come cristalli e pietre a creare combinazioni uniche.

Diciamo che mi diverte “dare una prospettiva diversa” ai materiali.

3) C’è una creazione particolare alla quale sei più affezionata o che ti rappresenta di più ?

Forse è una caratteristica che va di pari passo con la creatività, ma sono piuttosto “incostante” rispetto alle creazioni. Mi spiego meglio, ogni volta è un innamoramento e cerco di tirare fuori il “massimo” da ogni tipologia di materiale che utilizzo.  Poi, ad un certo punto, sento la necessità di cambiare e creare altro. Alcuni materiali restano ovviamente ma, diciamo, con un “ruolo” diverso. Se dovessi scegliere quello che utilizzo da più anni e che si è dimostrato più “versatile” rispetto alla mia incostanza, direi le camere d’aria. La collezione cui sono più affezionata forse la collezione “favole”.

Condividi
sciurami

About sciurami

SciuraMi è un lifestyle blog, che offre uno sguardo curioso sulla società e le tendenze, insieme ad approfondimenti sulla vita milanese. SciuraMi è: -L’amica a cui chiedere un consiglio o un’informazione. -parlare di tutto ciò che vedo, provo e vivo -uno stile di vita -l’arte di vivere bene - inspiration & ambition

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>