Una giornata tra la birra Menabrea

Tra le esperienze più belle vissute come blogger c’è la giornata trascorsa all’interno del birrificio Menabrea in occasione del lancio della birra speciale “La 150° Rossa” in bottiglia da 33 cl.

Prima di aprire il mio blog ho lavorato per alcuni anni all’interno di un pastificio; da lì è nata la mia passione per i processi produttivi, per cui potete immaginare il piacere provato nel visitare il sito produttivo della  Menabrea.

Il birrificio di Biella è il più antico di Italia, aprì i battenti nel lontano 1846, quando il Signor Wolf di Gressoney e i fratelli Caraccio decisero di dar vita a un laboratorio che producesse birra. Nel 1854 il birrificio venne preso in affitto dal Signor Giuseppe Menabrea che lo acquistò definitivamente  dieci anni dopo. Da qui, nel corso degli anni, si susseguirono diverse generazioni che implementarono il processo produttivo e ampliarono il commercio della birra anche all’estero. Oggi, pur mantenendo identità e piena autonomia, Menabrea fa parte del gruppo Forst, azienda birraia dell’Alto Adige nota per la qualità dei suoi prodotti ed il rispetto della natura.

Il birrificio Menabrea si trova in pieno centro storico e si compone di diversi edifici, ognuno dei quali ospita le diverse fasi di produzione della birra. Il tutto inizia nella sala cottura, dove viene messo in infusione il luppolo con il malto d’orzo e il mais; si passa poi alla cantina di fermentazione dove la birra riposa e, a contatto con i lieviti, fermenta per poi stagionare nelle cantine di deposito e, alla fine, essere filtrata e confezionata.

Il birrificio Menabrea produce circa 200.000 ettolitri di birra all’anno, di cui una parte viene destinata al mercato estero.

La nuova rossa Menabrea è una birra a bassa fermentazione, tipo Bock, da alc. 7,5 % vol., ed è caratterizzata da una schiuma abbondante e persistente e dal colore rosso scuro. Una birra dal corpo strutturato e dall’equilibrio gustativo intenso e maltato, che va ad arricchire l’offerta delle birre speciali Menabrea.

Accanto alla linea “La 150°”- Bionda, Ambrata, Strong e, ora, Rossa Doppio Malto -, il brand propone la prestigiosa gamma “Top Restaurant”- 35 Light, 55 Pils, 75 Bock e 5.2 Weiss -, dedicata all’Alta Ristorazione, oltre alle birre in distribuzione solo in prossimità del periodo natalizio, la Christmas Beer e il bottiglione Menabrea  da 2 litri in Limited Edition.

Ciò che caratterizza birra Menabrea è la grande attenzione alle materie prime:

– l’acqua utilizzata per la produzione della birra proviene dalle fonti biellesi, le quali hanno residuo fisso inferiore a 50 mg/l.

– nel processo iniziale di cottura viene utilizzato il gritz di  mais, privo dell’embrione e macinato.

– il luppolo, pianta a fiore e perenne, conferisce alla birra la sua caratteristica distintiva, ovvero il sapore amaro.

– il malto d’orzo deriva dalle piante d’orzo che vengono maltate: il chicco d’orzo viene portato alla germinazione idratandolo in modo che formi enzimi per poi essere essiccato, caramellato e tostato per conferire alla birra il colore ambrato.

Dopo aver visitato il birrificio siamo stati accolti per un pranzo con prodotti tipici biellesi, tra cui i formaggi del caseificio Botalla e una degustazione di birra Menabrea. Accanto al birrificio sorge il museo della birra Menabrea, dove sono raccolti  i macchinari originari del 1846, gli utensili d’officina, gli attrezzi degli antichi bottai, le bottiglie, i boccali, le illustrazioni, le fotografie patinate di tempo, ma anche i libri commerciali e le immagini pubblicitarie, creando un breve percorso, corredato da pannelli illustrativi e didascalici, che vuole unire, storia e didattica.

Birra Menabrea

Condividi
sciurami

About sciurami

SciuraMi è un lifestyle blog, che offre uno sguardo curioso sulla società e le tendenze, insieme ad approfondimenti sulla vita milanese. SciuraMi è: -L’amica a cui chiedere un consiglio o un’informazione. -parlare di tutto ciò che vedo, provo e vivo -uno stile di vita -l’arte di vivere bene - inspiration & ambition

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>