Cut: l’hair stylist di fiducia

Ricci o lisci, corti o lunghi, neri o biondi: da sempre i capelli sono il simbolo della seduzione femminile Diversi sono i significati che hanno assunto nel tempo. Hanno espresso forza e vitalità e incarnato simbologie recondite di tipo spirituale. Se in Cina tagliare i capelli era un disonore, in Francia averli lunghi era un privilegio di re e  nobili.

Nietzsche considerava i capelli “una leggera trama cui agganciare i propri pensieri spirituali, quasi fossero un filtro di separazione del materiale e dell’istintivo da quello che è spirito e anima”.

Io preferisco i capelli lunghi ma li taglio sempre. Girovagando per Corso Garibaldi, alla ricerca del look perfetto e dell’hair stylist ideale, mi colpisce l’insegna viola di un negozietto accogliente: Cut.

Entro e i colori caldi dell’arredamento mi avvolgono, dandomi la sensazione di essere a casa. A prendersi cura di me è Francesco Buscicchio, leccese d’origine trasferitosi a Milano nel 1995. Dopo aver lavorato nel mondo della moda al fianco del maestro Aldo Coppola, nel 2004 crea  Cut in Corso Garibaldi.

Nel suo salone, Francesco cura personalmente ogni cliente ascoltando le necessità di ciascuno e cercando di accontentare ogni richiesta. Da quando l’ho conosciuto,  è diventato il mio hairstylist di fiducia.

cut cut_-_corso_garibaldi_-_parrucchiere_-_entrata_2img_1856 img_1862

 

 

Condividi
sciurami

About sciurami

SciuraMi è un lifestyle blog, che offre uno sguardo curioso sulla società e le tendenze, insieme ad approfondimenti sulla vita milanese. SciuraMi è: -L’amica a cui chiedere un consiglio o un’informazione. -parlare di tutto ciò che vedo, provo e vivo -uno stile di vita -l’arte di vivere bene - inspiration & ambition

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>