I giardini segreti di Milano

Nel corso del tempo, Milano ha mutato sempre il proprio volto ampliandosi verso l’esterno. La città è cresciuta inglobando via via la lussureggiante campagna ed è quindi un piacere impagabile scoprire l’esistenza di vere e proprie oasi di verde urbano.

Di seguito vi descriverò questi giardini segreti, quasi invisibili a un primo sguardo e ben protetti dalle mura degli edifici che li ospitano.

Alle spalle della GAM (Galleria d’Arte Moderna), sorge un giardino scenografico con un tempietto circondato da sinuosi sentieri e ponticelli che si stagliano sullo scenario neo-classico della villa di fine  Settecento. Benché piccolo, il giardino ospita cinquantatré specie arboree e vegetali.

Ancora piu piccolo è il giardino che si trova dentro Santa Maria delle Grazie. Varcato l’ingresso in Via Cardasso vi ritroverete in un immenso chiostro che è una vera oasi di pace, con la sua fontana decorata da quattro rane (da cui prende il nome il chiostro delle rane).

A pochi passi scopriamo un altro giardino segreto e pieno di sorprese. Al numero 65 di Corso Magenta sorge Palazzo degli Atellani, costruito nel XV secolo e assegnato dal duca Ludovico Sforza alla famiglia Atellani come ricompensa per la fedeltà dimostratagli. Nel corso dei secoli il palazzo è passato varie volte di mano in mano finché nel 1919 l’architetto Pietro Portalupi restaurò l’intero complesso.

Il giardino è costituito da una lunga striscia di verde abbellita da una graziosa fontana. Secondo la tradizione milanese, questo giardino era collegato alla vigna di Leonardo. Nel corso dei secoli le tracce della vigna  sono andate perdute fino alla sua riscoperta accidentale da parte di Portaluppi e dal suo collega Beltrami durante i lavori di restauro del Palazzo. I bombardamenti del 1943 distrussero ciò che il tempo aveva preservato. Non tutto  però era andato perduto: qualche anno fa gli attuali proprietari del palazzo hanno commissionato alcuni scavi e a sorpresa hanno rinvenuto le tracce organiche delle vite. Le uve della vigna sono state analizzate dal prof. Attilio Scienza, ordinario di viticultura all’università di Milano, e il DNA ha consentito di svelarne la varietà: Malvasia di Candia.

palazzo degli atellani vigna

casa-degli-atellani-la

Condividi
sciurami

About sciurami

SciuraMi è un lifestyle blog, che offre uno sguardo curioso sulla società e le tendenze, insieme ad approfondimenti sulla vita milanese. SciuraMi è: -L’amica a cui chiedere un consiglio o un’informazione. -parlare di tutto ciò che vedo, provo e vivo -uno stile di vita -l’arte di vivere bene - inspiration & ambition

2 thoughts on “I giardini segreti di Milano

  1. katia

    Ma sono visitabili o bisogna avere permessi speciali????

    • sciurami

      si sono visitabili in certi giorni dell’anno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>