Il flash mob che anima Milano: Cena con me!!

E’ uno degli eventi più attesi e divertenti di Milano. Sono trascorsi quattro anni dalla prima cena pubblica dal tema Cena in bianco: “le fragole più buone si mangiano di nascosto” all’interno dell’Arco della Pace, il 5 luglio.

Cena con me reinventa il modo tradizionale in cui abitualmente viviamo la città. È un contenitore creativo temporaneo che, con una modalità simile al flash mob, ha come obiettivo l’abitare un luogo della città, magari già conosciuto o vissuto frettolosamente, e  attraverso la cena contribuire alla ridefinizione dell’identità cittadina.

Questo luogo, anche se per poche ore, attraverso la cena si riempie di senso, non solo perché le persone tornano momentaneamente ad abitarlo, ma anche perché a ogni cena viene sviluppata e lanciata una tematica diversa, sollecitando i partecipanti a offrire a sé e agli altri un’interpretazione personale del proprio mondo interiore,  tramite gli ingredienti a disposizione quali cibo, design, arte e moda.

Cena con me è un modo per celebrare un momento di scelta e condivisione, e l’occasione per partecipare ad un rito collettivo. In questa occasione è l’impegno del singolo che confluisce in esso a creare le condizioni perché si realizzi la magia del tutto.

Nato da un’idea della gallerista Rossana Ciocca, e cresciuto con l’impegno di squadra di Alessandra Cortellezzi, Cenaconme! vuole essere un invito semplice e informale.

Diversi i capitoli realizzati fino a oggi:

CAP. 1 Cena in bianco: “Le fragole più buone si mangiano di nascosto” è stata la prima cena pubblica, in cui abbiamo presentato quello che amo chiamare il manifesto di Cenaconme, e si è svolta all’Arco della Pace il 5 luglio 2012. Sono seguite:

CAP. 2 Dinner in the dark: “Il tuo calice non sara mai vuoto perché io sarò il tuo vino. Con questa candela illuminerò il tuo cammino nell’oscurità”, al Mezzanino di Porta Venezia MM1 sabato 17 novembre 2012.

CAP. 3 Chapeau! “La gente vede la follia nella mia colorata vivacità e non riesce a vedere la pazzia nella loro noiosa normalità”, alla Rotonda della Besana il 26 maggio 2013.

CAP. 4 La camera chiara: “La vita privata altro non è che quella zona di spazio, di tempo, in cui io

non sono un’immagine, un oggetto. Ciò che devo difendere è il mio diritto di essere un soggetto”. Si è svolta a Porta Garibaldi il 4 luglio 2013.

CAP. 5 Dinner in the dark: “Non si trasforma la propria vita, senza trasformare se stessi”, alla Galleria del Toro (San Babila) il 19 ottobre 2013.

CAP. 6 La camera chiara: “Non c’è nulla da dire: c’è solo da essere, c’è solo da vivere”, si è svolta ai Giardini di Porta Venezia il 3 luglio 2014.

CAP. 7 Chapeau!: “Se non puoi essere elegante, sii almeno stravagante”, si è svolta in Piazza Sant’Ambrogio il 4 ottobre 2014.

CAP. 8 Dinner in the dark: “C’è sempre una porta che attraverserai…”, si è svolta alla Galleria Vittorio Emanuele II il 22 novembre 2014.

CAP. 9 Chapeau!: “The Earth without ‘Art’ is just ‘Eh’”, si è svolta in Piazza Affari il 19 settembre 2015.

CAP. 10 La camera chiara: “Je voudrais montrer la diversitè estreme de ce qui existe sur Planète”, si è svolta in Piazza Castello il 2 luglio 2015.

CAP. 11 Dinner in the Dark: “Abitare, essere ovunque a casa propria” si è svolta il 7 novembre 2015.

946895_194854177341643_2125282355_n 11539678_467626746731050_2785082341939376069_n 11692721_467626666731058_1668772437364141143_n 12208860_508531082640616_1880673324776426437_n cena12552571_532522666908124_8122982367086748658_n

Condividi
sciurami

About sciurami

SciuraMi è un lifestyle blog, che offre uno sguardo curioso sulla società e le tendenze, insieme ad approfondimenti sulla vita milanese. SciuraMi è: -L’amica a cui chiedere un consiglio o un’informazione. -parlare di tutto ciò che vedo, provo e vivo -uno stile di vita -l’arte di vivere bene - inspiration & ambition

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>